Skip to main content

Quanto a fondo conosci i problemi della tua azienda? Superiamo insieme i blocchi analitici del tuo business

Le tue giornate in ufficio sono frustranti? 

Hai davanti solamente bilanci negativi, collaboratori e dipendenti improduttivi e la tua azienda è ormai ferma nel mercato da diverso tempo? 

Sblocca la crescita della tua azienda imparando ad analizzarla grazie a 3 semplici pratiche che puoi applicare fin da subito per risolvere i blocchi analitici.

Non stiamo parlando di elementi astratti ma di ciò che tu, da dirigente, sei troppo occupato per vedere: il tuo business si trova davanti ad un blocco che mina la sua crescita e questo problema non si risolve se non dedichi la giusta attenzione ad analizzarlo.

Sai quanto può costarti ignorare questo blocco? Gabriele, un titolare nonché commerciale di punta della sua piccola attività, l’ha scoperto solo dopo l’incontro con il nostro metodo I-DBM ed una consulenza con Armando Cignitti.

L’incontro è stato una semplice chiacchierata, che ha permesso al nostro consulente esperto di avere un quadro subito chiaro della situazione a partire da elementi che per Gabriele non erano pertinenti. 

Ad esempio, Gabriele raccontava innocentemente che era molto stressato in quanto poco prima di una consegna, due suoi collaboratori avevano discusso per 2 ore. Già da questo dato Armando, con un veloce calcolo, gli ha dimostrato che in quelle ore aveva perso molto più dei soli 60 euro del compenso orario dei due dipendenti: ben 7.000 euro, cioè il valore di una sua giornata di lavoro nell’area commerciale della sua attività.

Da questo dato Gabriele ha compreso la gravità della situazione e si è lasciato guidare verso la risoluzione del suo blocco tramite le indicazioni del nostro Armando che puoi scoprire nel dettaglio qui nel caso studio completo.

E se anche tu fossi in questa situazione e non te ne rendessi conto? Smetti di bloccare la tua azienda: analizziamone i problemi insieme e lavoriamo alla loro risoluzione.

Compila la nostra Check-list cliccando sul bottone qui sotto, riceverai gratis l’analisi dei problemi della tua attività direttamente tramite e-mail.

Voglio scoprire di più: sblocchiamo la crescita della tua attività

Non credi di avere un blocco analitico nella tua azienda? Scopriamolo insieme, oggi condividiamo con te alcune metodi per riconoscerli. Ecco perché ti parliamo:

  • Cos’è e come riconoscere un blocco analitico in azienda: riconoscerli per sbloccare la crescita della tua azienda.
  • Come risolvere un blocco analitico: 3 soluzioni per sbloccare la crescita della tua azienda.

Come riconoscere i blocchi analitici in azienda

Cos’è e come riconoscere un blocco analitico in azienda: riconoscerli per sbloccare la crescita della tua azienda.

Un blocco aziendale è l’elemento che abbiamo riscontrato più spesso nei decenni di esperienza, e purtroppo è anche il più infido da identificare. Perché? Perché la struttura dell’azienda stessa tende a nasconderlo. 

Facciamo chiarezza: la maggior parte delle imprese in Italia segue una struttura molto gerarchica dove “la testa” si accentra la maggior parte delle responsabilità pur avendo, in realtà, una visione sommaria e suggestiva della reale situazione della sua azienda. 

Infatti negli incontri con le aziende, abbiamo notato che alcuni collaboratori sapessero fornire delle cause più dirette per i problemi riscontrati rispetto al dirigente che si limita spesso ad un approccio che noi definiamo “No-ability” contrapposto a quello ottimale del “response-ability”.

Cosa significano? Scopriamolo insieme!

Come superare i blocchi analitici e tornare a far crescere la tua azienda

Come sbloccare la crescita della tua azienda: abbandona il no-ability e scegli il “response-ability”

Si tratta di pratiche cui spesso non prestiamo attenzione ma che in realtà incidono sul nostro modo di agire produttivamente. Ci spieghiamo meglio: entrambi i concetti hanno a che fare con la responsabilità.

Il termine responsabilità, etimologicamente, significa “la capacità di rispondere in modo efficace alla situazione in cui hai una sfera di influenza”. 

Detto questo, ciò che noi definiamo come “Response-ability” non è altro che l’abilità di saper prendere delle responsabilità.

Ha “Response-ability” quella persona che pone “l’io” al centro delle frasi, dicendo ad esempio: “per risolvere questa situazione IO devo fare questo…”.

Al contrario la “no-ability” mette al centro dei suoi discorsi dei fattori esterni, su cui non ha alcuna sfera di influenza, in modo da delegare implicitamente il compito di risolvere certe situazioni o problemi all’esterno. 

Cosa hanno a che fare questi concetti con il nostro discorso? 

Certo, un dirigente sicuramente ha le sue responsabilità e sa prenderle, tuttavia negli anni di consulenze abbiamo notato una tendenza diffusa alla “no-ability” quando si presenta un blocco.

Ad esempio, se si identifica un blocco nelle vendite, la risposta che danno spesso gli imprenditori è “il calo delle vendite è colpa della crisi, se il governo non fa qualcosa per supportare le aziende falliremo”.

Potrà anche essere esterna la causa del problema, ma se la tua strategia di risoluzione fa capo a terzi non farai che aspettare inerme. E’ come se tu fossi alla guida di un’auto ed un’altra ti stesse per venire addosso: cosa fai? Aspetti che qualcun altro prenda il controllo della tua vettura e rimani fermo davanti al disastro imminente o agisci cercando di evitare i danni maggiori pur non essendo tu la causa del problema?

Perché un dirigente tende ad avere un approccio no-ability circa alcune problematiche? Semplicemente perché il suo ruolo lo mette a contatto con attività più amministrative e gestionali che non gli permettono di analizzare cause più operative come invece riescono a fare i responsabili di settore o manager operanti.

Come cambiare questa tendenza? Dove puoi guardare per identificare dei blocchi analitici e superarli? Ecco 3 attività pratiche per riuscirci.

Come risolvere un blocco analitico: 3 soluzioni per sbloccare la crescita della tua azienda.

Immaginiamo 3 situazioni che possono causare un blocco analitico:

  1. Nonostante diversi tentativi, approcci ed indagini continuano a ripresentarsi sempre le stesse problematiche. Il reparto vendite non vende, gli impiegati continuano a non rispettare le scadenze e tu, da responsabile o dirigente, ti ritrovi a dover compensare queste mancanze accentrandoti tutti i compiti. Ciò che ne scaturisce è quanto detto poco sopra: tanto stress e zero attenzione verso le vere cause e soluzioni di questi problemi… Ecco che si rimane fermi in un blocco analitico.
  2. Hai fissato meeting, incontri con fornitori, clienti e investitori. La tua agenda è gremita di impegni eppure ogni giorno ti ritrovi attività urgenti e non previste che scombussolano l’ordine delle tue priorità. Nella frenesia dei compiti di una figura manageriale, il rischio è che pur di fare ciò che è urgente, si tralascia ciò che è davvero fondamentale per l’obiettivo del tuo business. Ecco come la tua azienda rimane bloccata e smette di crescere nonostante tu non abbia smesso un secondo di lavorare.
  3. L’idea alla base del tuo business è nata vent’anni fa e le logiche del mercato sono del tutto cambiate? Affronti tutte le novità appena si presentano e la tua attività è in costante affanno? Essere costantemente sotto l’attacco degli andamenti di mercato, sorpreso dalle novità del momento distoglie tempo, energie e risorse che dovevano essere impiegate nel far progredire il tuo business. Ecco che la tua azienda si ritrova bloccata mentre tutto attorno a lei cambia.

Ti rivedi in una di queste situazioni? Non danneggiare ulteriormente il tuo business: sblocca la crescita della tua azienda con Improvia, chiamaci per una consulenza totalmente gratuita per scoprire le soluzioni operative migliori per la tua situazione.

Prenota la tua consulenza

3 soluzioni ai blocchi analitici

Esistono anche delle soluzioni generiche che possono essere testate in modo differente a seconda delle specificità dell’azienda:

  1. Sviluppare la capacità di Problem solving. Questo concetto è tanto abusato negli ultimi anni quanto fondamentale per sbloccare la crescita di un’azienda. Un problema, per definizione, è una discrepanza tra la situazione che vorremmo e quella che abbiamo al momento; è evidente come sia una componente intrinseca a qualsiasi progetto di impresa in quanto ogni azienda nasce con un’obiettivo di business che non è la sua situazione attuale. Saper superare questi problemi quindi non diventa altro che raggiungere l’obiettivo di business, cioè l’interesse primario di qualsiasi dirigente.Come farlo? Risolvendo il problema alla radice sviluppando un modello di business che conti di diverse possibili fasi, in modo da prevedere per tempo qualsiasi inconveniente e non farsi deviare dal percorso di crescita che abbiamo costruito per l’azienda.Vuoi sapere se il tuo modello di business è efficace? Leggi l’articolo dedicato per scoprirlo, clicca sul bottone qui sottoLeggi l'articoloRisolvere i blocchi aziendali: 3 attività pratiche per sbloccare la crescita della tua azienda
  2. Nel secondo scenario rimane sempre utile avere un modello di business da seguire costantemente per ricordarsi le priorità, ma soprattutto bisogna delegare. Molti responsabili vedono tale pratica quasi come un insulto ma non lo è: la maggior parte delle attività non hanno bisogno del tuo intervento diretto che al contrario sarebbe fondamentale altrove.Come riuscire a delegare senza paura di trovarsi con un lavoro fatto male? Comunicando, instaurando in azienda la cultura del Feedback in modo da sapere dai tuoi colleghi e collaboratori dei pareri sinceri non soltanto sulle loro capacità ma anche sulle tue, cosi da conoscere meglio le potenzialità del tuo team e sfruttarle di conseguenza per sbloccare la crescita della tua azienda.Non sai come creare tale cultura tra i tuoi uffici? Scoprilo nell’articolo dedicato al feedback in azienda, clicca sul pulsante qui sottoLeggi l'articolo
  3. Sappiamo che i cambiamenti possono essere di varia natura, tuttavia le esperienze accumulate e lo scenario imprenditoriale storico italiano ci permettono di poter affermare che quello più problematico per le aziende sia il Digitale.Complice un Paese legato alle tradizioni storiche, ricco di imprese artigiane e poco incline alla sperimentazione innovativa, la delicata situazione innescatasi con l’arrivo della pandemia da SarsCoV-19 ha scosso le fondamenta dell’intero mercato italiano. Vogliamo rassicurarti: non c’è settore che non possa entrare nel digitale traendone benefici, e farlo è più semplice di quel che da fuori si possa pensare.Scopriamo insieme le basi per la digitalizzazione di piccole e media imprese, leggi l’articolo guida dedicato, clicca sul pulsante qui sottoLeggi la guida per la digitalizzazione delle poi

La tua azienda è sensibili ad altri cambiamenti? Senti che il tuo business è bloccato ma non hai trovato la soluzione tra questi esempi? Non preoccuparti: ti offriamo l’opportunità per sbloccare la crescita della tua azienda gratuitamente e senza impegno.

Facciamo un check-up della situazione con il modulo che trovi cliccando qui o nel bottone di seguito

Compila la checklist

In Improvia abbiamo la mission di far crescere le aziende italiane e per questo vogliamo aiutarti a risolvere problemi reali, aiutandoti a prendere le decisioni migliori per il tuo business. Se anche tu sei stanco di rimandare i problemi aziendali, troviamo insieme la soluzione più adatta: prenota la tua prima consulenza gratuita e senza impegno.

Chiamaci

Per non perderti altri accorgimenti e informazioni utili, seguici sui nostri canali, dove puoi trovare altri casi studio ed iscriviti alla newsletter qui sotto e potrai rimanere aggiornato ad ogni nuova pubblicazione.

Alla prossima!

Armando Cignitti

Consulente aziendale e Fondatore di Improvia

mail. a.cignitti@improvia.it

Richiedi subito la Consulenza Gratuita

CONTATTAMI

Photo credit: Anastasiia Chepinska, Lucas Blazek, Markus Winkler, Recha Oktaviani, Stellrweb, William Iven on Unsplash

Un metodo “chiavi in mano” che abbraccia la tua impresa e la tua famiglia.

ACQUISTA ORA
.
Armando Cignitti

Armando Cignitti

Consulente e Autore, da 22 anni aiuto Imprenditori e Professionisti ad incrementare il valore della propria attività sul mercato, attraverso un metodo di gestione e soluzioni per uno sviluppo aziendale stabile e sostenibile. Ho fondato Improvia per realizzare la "casa del miglioramento continuo" per tutti gli imprenditori, i loro collaboratori e i professionisti che vogliono migliorare le proprie abilità, porsi nuovi obiettivi, ottenere risultati misurabili e duraturi di crescita personale, aziendale ed economica.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: